Disponibilità immediata
n/d

SEMIRAMIDE RICONOSCIUTA

Prezzo
IVA 22%
€ 2.003,00
Modello
n/d
Genere
Opera
Anno
2003
Nazionalità
Italia
Durata
153'
Formato
SD 4/3
Regia
Massimo Gasparon
Lingua Disponibile
Italiano o sottotitoli in Inglese, Francese, Spagnolo
Cast
Giacinta Nicotra, Stefania Donzelli, Daniele Tonini
Scheda pdf
Locandina in alta qualià

Registrati e aggiungi ai preferiti

Registrati

Trama

La storia di tre pretendenti alla mano della principessa Tamiri, la cui sorte sarà  resa difficile da Semiramide (creduta Nino), e soprattutto dalle trame infide di Sibari, suo poco affidabile confidente. I tre sono: Mirteo - interpretato in quest occasione da Farinelli - fratello di Semiramide, e quindi da lei occultamente protetto (ma lui non sa che Nino in realtà è sua sorella); Ircano, rozzo principe sciita; e Scitalce, principe indiano un tempo amante di Semiramide col nome di Idreno. La storia con Idreno appartiene all'antefatto, ma potrebbe fare libretto a sè: infatti si scopre che Idreno, dopo aver convinto Semiramide a fuggire con lui, l'abbandonò con sdegno (e tentativo d'omicidio) percè scoperta lei fedifraga (in realtà si trattò di una calunnia architettata proprio da Sibari, che sperava di sostituirsi a quello quale amante della regina). Comincia l'opera: giunti i pretendenti a corte, Scitalce riconosce subito in Nino Semiramide e lei scopre che il suo Idreno è in realtà  un principe che adesso aspira alla mano di un'altra. Questo reciproco riconoscimento, che occupa la prima parte dell'opera, si realizza quale straordinario esempio di virtuosismo drammaturgico metastasiano: ai dialoghi si frappongono i pensieri di ciascuno (procedimento usuale a piccole dosi, ma che nella sistematicità del trattamento diventa una sorta di testo sovrapposto al testo), e ciò viene complicato dalla presenza in scena di tutti e sei i personaggi, i cui discorsi si intrecciano l'un l'altro senza sosta (arditezza fra l'altro ripetuta in più momenti dell'opera). La vicenda prosegue e si complica: Sibari, che ancora ama Semiramide, avvelena la coppa che Tamiri offrirà al prescelto, perchè sa che sarà Scitalce (lo scopo è di liberarsi del pretendente, poichè Semiramide sembra ancora innamorata). Purtroppo questi rifiuta, sapendo che Semiramide non potrà mai approvare questo matrimonio. Tamiri, piena di sdegno, offre la sua mano a chi ucciderà Scitalce, che l'ha offesa. Si fa avanti Ircano, ma Scitalce è fatto prigioniero da Semiramide (che in questo modo tenta di salvargli la vita). Ircano, dietro suggerimento di Sibari, vuole così rapire Tamiri, ma è catturato: era un tranello di Sibari, che in questo modo sperava di ingraziarsi Semiramide. C'è sempre Mirteo per svenare Scitalce, ma, consigliata da Semiramide, Tamiri non auspica più la sua morte. Sibari allora, che vuole liberarsi di Scitalce, rivela a Mirteo che fu lui (col nome di Ircano) a rapire Semiramide: il duello non si può evitare, ma, sguainate le armi, i due oltre a combattere parlano, e presto si scoprono tutti gli intrighi di Sibari. L'opera si conclude con Nino che si rivela per Semiramide, si riconcilia a Scitalce e lo sposa, Tamiri che si unisce a Mirteo, e Ircano che non può far altro che prendersela con Sibari.

Aggiungi al Carrello
Visite Recenti
Prodotti visitati recentemente
  • SEMIRAMIDE RICONOSCIUTA
     
    SEMIRAMIDE RICONOSCIUTA
     
© Running TV | P.IVA 03446450284
RUNNING TV International Srl
Via Terza Strada 2, 35129, Padova
Tel. +39 049 7800537 - Fax +39 049 7800600
info@runningtv.it